LaRedoute

Paura del dentista? Ho la soluzione!

Alzi la mano chi non ha paura del dentista… ok, allora alzi la mano chi non ha paura delle punture di ago, soprattutto quando si va dal dentista.

paura del dentista

Ecco, io sono tra questi ultimi. Ho una fobia cieca degli aghi. Da sempre.
Ok, anche dopo tre parti ho paura di una banale siringa, ok? Che ci posso fare? E’ così.

Puoi farmi sentire il rumore del trapano del dentista, quello dell’aspiratore della saliva, tutto quello che ti pare, ma non farmi vedere un ago che mi sento formicolare le mani e tremare le gambe. Se poi questo mi si avvicina al viso, urlo come un’ossessa.

Per tutti i fifoni come me, ho delle buone notizie oggi.
Esiste un nuovo metodo che evita del tutto le punture di ago dal dentista e si chiama: Comfort-In.

Niente paura del dentista: nuova anestesia senza ago “Comfort-In”

Per addormentare la parte da curare, si utilizza il sistema avanzatissimo chiamato Comfort-In, si tratta di una siringa senza ago che si avvale dell’alta velocità in cui viene rilasciato il farmaco, che ottiene il medesimo risultato di anestetizzare la parte, ma senza l’inconveniente dell’ago e delle paure ad esso associato.

Secondo me, è geniale!

Il tutto dura meno di un secondo, per l’esattezza il getto di farmaco avviene in circa un terzo di secondo, in pratica è l’equivalente di un battito di ciglia. Tutto qui.

Questa è davvero una grande innovazione per tutti e soprattutto per quei bambini che hanno necessità di cure dentarie che prevedono l’addormentamento della parte… che si sa che i bambini non stanno un attimo fermi e che con un ago in bocca diventano ancora più anguille, no?

Adoro il progresso!

Anestesia senza ago subcutanea Comfort-In

Questa tecnica di anestesia senza ago è adottata efficacemente presso lo studio dentistico Albertelli a Roma in Via dei Monti di Creta (zona Boccea).
Per ulteriori informazioni, visitare il sito oppure la pagina facebook dello studio.
Buzzoole

Previous Post Next Post

You Might Also Like

desigual

No Comments

Leave a Reply