Chiara Ferragni unposted: il docufilm

Ultimo aggiornamento:

Chiara Ferragni.
31 anni.
Prima influencer al mondo nel settore della moda (e non solo!).
Più di 15 milioni di follower, sempre in ascesa.
CEO di due società fondate da lei stessa.

I numeri di Chiara Ferragni

E poi ora anche moglie e mamma.
Non si ferma un attimo.

Quel che posta lei dai suoi account instagram diventa immediatamente di tendenza. Apparentemente sembra che quel che faccia sia semplice, di immediata realizzazione ed è proprio questo che arriva soprattutto alle giovani che vorrebbero diventare come lei.

Ma non è così.
Dietro c’è una strategia. C’è studio. C’è molto impegno.

E’ facile parlarne in maniera superficiale, rimanendo su quella patina glamour che la circonda, dicendo che la sua è tutta fortuna, che il suo è un fenomeno che è destinato a sfumare prima o poi. Ma il tempo e i risultato stanno smentendo queste dicerie. Anzi, lei espande il suo impero e lo sa fare molto bene, con obiettivi che alzano sempre di più l’asticella.

Ebbene, alla prossima biennale del Cinema di Venezia, verrà presentato il docufilm Chiara Ferragni unposted, che sarà nelle sale il 17, il 18 e il 19 settembre.

Chiara Ferragni film: cosa c’è dietro il suo successo

In questo film, diretto da Elisa Moruso, ci saranno interviste e interventi da parte di sociologi, scrittori, giornalisti, personalità di Harvard (tra l’altro dove è stata in passato invitata per un intervento all’università).
Il film indaga questi temi in una forma narrativa contemporanea, dai molteplici linguaggi, in cui le interviste dirette si mescolano a scene che raccontano momenti significativi della vita di Chiara, a materiali di repertorio presi direttamente dalla società virtuale, il favoloso mondo di Instagram, di cui lei è la regina indiscussa

Insomma non si tratta di fortuna, si tratta di impegno e strategia.
E se un giorno i miei figli volessero seguire queste orme, beh, non avrei nulla da ridire, purchè studino e si impegnino veramente, purchè abbiano la giusta idea su cui investire, perchè di fuffa e di tuttologia ce n’è già tanta sul web, non ne serve altra.

Forse potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *