Cosce di pollo panate, da leccarsi i baffi!

Non ricordo di chi era questa ricetta, ricordo che l’ho letta da facebook, una delle mie amiche aveva postato una foto così invitante che ho immediatamente chiesto la ricetta.
Ed ecco che qualche sera più tardi l’ho sperimentata… Le cosce di pollo panate al forno, sono meravigliose e la cosa sorprendente è che non rimangono affatto asciutte e stoppacciose, anzi, tutt’altro!

Il piatto ha avuto successo?
Guardate con i vostri occhi, va…

Cosce di pollo panate

Ingredienti:
Cosce di pollo (consideratene un paio a testa se sono piccoline)
un rametto di rosmarino
1 spicchio d’aglio
1 tazza di latte intero
olio
pan grattato
parmigiano grattuggiato

Procedimento
Tenere ammollo nel latte, allungato con acqua, le cosce di pollo, insieme all’aglio e al rosmarino per almeno mezzora.

Trascorso questo tempo, scolatele leggermente e passatele nella miscela di pan grattato e parmigiano, in modo da impanarle uniformemente.
Disporle quindi su una placca da forno rivestita di carta da forno. Cospargerle di un filo di olio.

Infornarle a 200° (ho usato il forno ventilato) per circa una mezzoretta, ma dipende dalla grandezza delle cosce di pollo.
Sfornare e servire non immediatamente

Che dite, saranno piaciute?!

Forse potrebbe anche interessarti:

5 commenti

  1. Questa è strepitosa!
    la proverò anche io
    direi che è piaciuta!

  2. gnam…la provo di sicuro..che fame 🙂

  3. Questa me la segno!

  4. Anch’io la DEVO provare perchè a casa mia adorano il pollo!
    Grazie del consiglio!

  5. Grazie per questa ricetta (trovata tramite il linky party di Laura)! 🙂

    Ho preso la palla al balzo e l’ho fatta stasera. E’ piaciuta! 😀

    L’unica modifica che ho fatto è stato alzare il forno al 250° (verso metà cottura), perchè il mio non è ventilato.
    E poi… con il pangrattato avanzato ho fatto delle polpettine (aggiungendo un pò del latte/acqua avanzati) che ho cotto per un minuto o poco più (son venute a galla da sole come gli gnocchi) nell’acqua insieme alla pasta, che era sul fuoco in quel momento.
    Gnam! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *