Crema di fave con cicoria: la M-rivisitazione!

Ultimo aggiornamento:

Ieri ho trascorso quasi tutto il pomeriggio con Mariolla e Sofia.
Son venute a casa nostra, Mariolla è proprio stanca: pare che Sofia soffra di reflusso, il che la porta sempre a lamentarsi e a piangere, soprattutto quando si trova in posizione coricata, trova sollievo soltanto in posizione eretta, il che significa tenerla sempre in braccio e Mariolla è abbastanza esausta!
Purtroppo per questo tipo di disturbo c’è ben poco da fare, a parte i paliativi del caso, bisogna armarsi di santa pazienza e aspettare che la bimba cresca… nient’altro!
Miriam e Melania hanno dato il loro bel diversivo alla zia.
Le gironzolavano intorno per toccare e baciare la cuginetta.
Miriam le ha pure voluto fare il bagnetto.
Poi ci hanno raggiunto Marco e Luca che si son ritirati parecchio tardi rispetto alla nostra soglia di sopportazione delle bimbe, che, dopo una certa ora, diventano più irrequiete e nervose.
Finalmente mi son potuta dedicare alla mia amata cucina, per scaricare la tensione, per distrarmi un po’ e per rinchiudermi nel mio mondo.

Ringrazio la Melandri Gaudenzio per questa farina di fave che ha del “miracoloso”! Oltre ad essere gustosissima è anche velocissima da preparare e ha dato un vero tocco di classe al mio piatto.

Ingredienti per 4 persone:
100 g di farina di fave della Melandri Gaudenzio
500ml di brodo vegetale (ho usato quello liofilizzato)
cicoria a piacere (ho usato i cubetti surgelati)
2 spicchi d’aglio
3 fette di pane casereccio
olio
sale
peperoncino
scaglie di parmigiano

Procedimento:
Cuocere normalmente la cicoria e poi ripassarla in padella con l’aglio e un filo d’olio.
A parte fare il brodo vegetale, quando è ben caldo, versare la farina di fave e amalgamare per qualche istante fino a che non diventa bella cremosa.
In una padella, tostare con olio e peperoncino le fette di pane fatte a cubetti.
Impiattare il tutto come meglio si crede: io ho prima steso sul piatto uno strato generoso di crema di fave, poi ho disposto sopra al centro dei cubetti di pane e intorno la cicoria, ho spolverato sopra qualche scaglietta di parmigiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *