Il primo sabato pomeriggio fuori per Melania: si comincia!

Ci siamo, si comincia.
Altra “prima volta” da segnare nel mio diario di famiglia.
E’ un po’ presto per uscire il sabato pomeriggio, ma è così, abbiamo iniziato!
Melania, con il suo solito spirito libero, autonomo e adattabile a qualsiasi situazione, ha aperto le danze: è andata a rivedere al cinema Cenerentola con la sua amica del cuore e poi cena al Crazy Bull.

Non vi dico i preparativi e l’ansia che hanno preceduto il grande evento, il countdown è iniziato giorni prima: “Quando arriva sabato? Quanto manca a sabato?”
E poi, una volta giunto il giorno, ha cominciato sin dalla buona mattina a chiedere, a prepararsi e a saltellare per casa.
“Mamma, quando arriva Anita? Che ore sono ora? Quanto manca? Posso andare prima?”..
Insomma, uno stillicidio continuo, ma la cosa mi piaceva, denotava quanto ci tenesse all’evento e alla sua amica.

Ha scelto con cura l’abbigliamento, si è preparata anche la borsetta per uscire e l’ho coperta di raccomandazioni, che manco se se ne fosse andata dall’altra parte del globo terrestre: “Mi raccomando, comportati bene, sii ben educata e non ti allontanare dalla mamma di Anita, stalle vicino e fai quello che ti dice, non litigare con Anita, ….”

Insomma, diciamolo: anche io ero in ansia, ma non per il fatto che non stesse con me, mi fa piacere che lei faccia le sue esperienze senza me, e poi della mamma di Anita mi fido più di me stessa, tanto è accorta e scrupolosa, era proprio per l’idea di saperla al cinema da sola, di sabato pomeriggio… mi sembrava ieri che ci andavo io, ed era una vera festa per me, lo stesso è stato per lei.
L’ho subito vista grande, quando, come hanno citofonato, l’ho accompagnata giù, ho salutato l’allegra brigata e lei, senza neanche voltarsi verso di me, già cianciava con la sua amica, tutte e due elettrizzate all’idea del pomeriggio che gli si apriva davanti.

sabato fuori

E che lo dico a fà: è tornata camminando ad un metro da terra, felice e serena.

Ed io con lei.
Brava piccola grande Meli.

Ringrazio ufficialmente la mamma di Anita, per la sua pazienza e per il pensiero carino che ha avuto e la ringrazio per avermi mandato man mano immagini delle due che si divertivano come matte. Credo che questa esperienza le bimbe non se la dimenticheranno mai e le ha legate ancora di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *