Piuttosto che: uso, abuso e altro

Last Updated on 13 Luglio 2018 by Micaela

Piuttosto che…
piuttosto che…
piuttosto che… cosa????
piuttosto che

Non sono affatto una purista della lingua italiana, anzi, tutt’altro: contamino spesso e volentieri con termini da me inventati, con espressioni colorite e con dialetto spinto quello che scrivo e, soprattutto, quello che dico.
Mi piace contaminare la mia lingua con neologismi, termini inventati dai miei figli e con qualsiasi suono mi viene in mente. Non si dovrebbe fare, lo so, ma lo faccio. Quindi, ci sono poche cose che non tollero, riesco a leggere tutto, ma su queste pochissime cose inciampo, cado e non riesco ad andare avanti nella lettura. Chiudo e me ne vado.

Tra queste cose fastidiose, alcune sono delle mode del momento.

Capita spesso, poi, che a dirle e/o a scriverle sono persone competenti, che stimo, che apprezzo e che seguo volentieri.

Oltre al “Qual è” che si scrive SENZA apostrofo (battaglia, anche questa che combatto quasi quanto l’abolizione delle fragole a Natale), c’è un’altra espressione in voga negli ultimi tempi da eliminare: l’uso improprio del piuttosto che.

Piuttosto che sbagliare, non lo usare!

Ultimamente si usa l’avverbio piuttosto con diverse e mirabolanti accezioni:

  • come una congiunzione disgiuntiva “o”
  • ma anche come congiunzione copulativa “e”

Prendiamo ad esempio la frase: “Questo blog parla di cucina piuttosto che di creatività

Bene.
Oggi tale frase potrebbe avere ben 3 significati differenti:
“Questo blog parla o di cucina o di creatività”. E in questo modo si esclude una delle due possibilità (congiunzione disgiuntiva “o”).
“Questo blog parla di cucina e di creatività”. E in questo modo si intendono entrambe le possibilità (congiunzione copulativa “e”).
Entrambe questi significati non sono però corretti.
Il significato corretto della frase è: “Questo blog parla più di cucina che di creatività”, intendendo così il prevalere di una delle due possibilità sull’altra.
Non a caso, la parola piuttosto contiene la parola più, quindi ci deve necessariamente essere un elemento che predomina sull’altro.

Ok, non sono un’insegnante di italiano e non ne ho le competenze, ma non ci vuole una laurea o un master ed essere degli esperti della lingua per capire che è sbagliato, no?
E ok anche che la lingua evolve, bisogna quindi accettarne le sfumature, i neologismi e i nuovi costrutti, ma qui si sta involvendo e di tanto pure, andando anche contro il fine maggiore del linguaggio stesso: il rischio di non capirsi, di non intendere la stessa cosa quando si parla, insomma… di non comunicare!

E fa molto figo dirlo e sparpagliarlo qua e là nei discorsi, riempie la bocca, no? Dà un certo tono, nonchè regala un senso di snobismo a chi parla…
In realtà è del tutto sbagliato.

Piuttosto che usarlo in maniera sbagliata, non usatelo affatto, ok?
Rimando a queste considerazioni dell’Accadeamia della Crusca per curiosare un po’ e alla definizione del dizionario della Treccani.

5 commenti

  1. Come hai ragione!!! E vogliamo parlare del “ma anche no” che oramai spopola in qualsiasi discorso??

  2. Ti adoro.
    Appena sento un “piuttosto che” mi si rizza il pelo come il mio gatto! 😀
    S.

  3. Olè! Hai ragione questa non è evoluzione della lingua è proprio un errore grammaticale e logico! Ma ve lo ricordate il periodo del “cioè”? Meno male che poi tutto passa!!!

  4. Io non l’ho mai usato, ma se dovessi usarlo ora so il significato preciso!!!
    Ciaooooooooooooo

  5. Io sono caduta sul “QUAL é” PIUTTOSTO CHE sul “piuttostoche”! L’ho usato correttamente???? 🙂 Ile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.