“Onward oltre la magia”, un incantesimo di film

Ultimo aggiornamento:

Se chiudere gli occhi e pensate agli esseri delle favole e ai racconti magici vi trovate immersi in mondi di elfi, gnomi, unicorni, mandragore, maghi che accendono fuochi e draghi che proteggono tesori… di solito. Ma non in questo film.

Onward: oltre la magia

Onward, infatti è andato oltre la magia, per facilitare la vita ai suoi personaggi. Scoprirete che gli elfi adolescenti usano gli smartphone più dei nostri ragazzi, mangiano nei fast food e i piccoli festeggiano i compleanni (mascotte inclusa) in una classica locanda medievale.
Le vecchie mappe che indicavano dove trovare oggetti magici sono diventate le tovagliette dei ristoranti e gli unicorni rovistano nei secchi dell’immondezza per scovare il cibo.

Tecnologia o magia?

Quanto ci rattrista un mondo che ha preferito la tecnologia alla magia? Parecchio, potremmo rispondere. Eppure la speranza di vivere una magia la ritroviamo con Ian e Barley, due fratelli alla ricerca di loro padre.
La magia entra nelle loro vite nel sedicesimo compleanno di Ian, quando l’unico desiderio è essere come il padre che non ha mai conosciuto. Ma mai un genitore dovrebbe lasciare un figlio senza risposta, e infatti arriva. Solamente che non è come ci si aspetterebbe.
Inizia così una ricerca di un manufatto magico che gli permetterà di incontrare il padre.
Di nuovo, ancora.

La ricerca è essa stessa crescita

Però ogni ricerca è un viaggio di scoperte e l’arrivo stesso, Ian e Barley incontrano loro stessi e superano le loro differenze di fratelli, per scoprire che quello che cercavano era da sempre lì.
La vera magia è questa. Quella che ti apre gli occhi e svela al cuore le emozioni più profonde.

La magia è ciò che nonostante tutto, ti riporta a casa

E così la magia diventa di nuovo protagonista di un mondo arido e semplice. Ognuno deve scegliere la sua via alla magia, ognuno deve riscoprire il sentiero che lo porterà a casa, come la magia alla fine del film.

E la trama di Onward?

La trama è fitta fitta di citazioni, di temi, di robe da nerd del fantasy: dal soft all’hard fantasy, quello per intenderci che conosco io, mio marito e i giocatori di ruolo di D&D. Ce ne sta per tutti i gusti, nessuno si annoierà.
La magia della storia raccontata è proprio questa, parlare a tutti gli spettatori per farli identificare secondo le loro passioni al film. Forse ci sono anche troppi ingredienti, ma va bene così. La magia non è misurata, è eccessiva sempre, anche in un incantesimo semplice come sollevare un legnetto.

Tanti temi per tutti i gusti, anche questa è magia

Si narra di famiglia, di assenze, di affetti che superano la morte e i conflitti. E si ride, a crepapelle in alcuni punti.

BAD DRAGON – In Disney and Pixar’s “Onward,” Ian Lightfoot’s mom has his back—even when his hyperactive pet dragon, Blazey, is misbehaving. Featuring Julia Louis-Dreyfus as the voice of Mom, and Tom Holland as the voice of Ian, “Onward” opens in U.S. theaters on March 6, 2020. ©2019 Disney/Pixar. All Rights Reserved.

Onward è adatto a tutti?

E’ un film per bambini dai 7-8 anni in su, già amanti del tema magia.
Altrimenti non ce li portate, non ameranno l’inizio così simile al loro mondo… e guardare un unicorno che rovista nella immondezza non aiuta. Anzi. Disillude.
Per i bambini, già scafatelli sull’argomento, invece sarà divertentissimo guardare gli elfi con i cellulari e gli gnomi che festeggiano il compleanno in un fast food.
Gli adolescenti o pre-tali adoreranno il film. La mia Flavia (12 anni) si è emozionata tantissimo. Il gemello, Tommaso, voleva partire alla ricerca di una magia appena usciti dal cinema. Soprattutto ha coccolato il fratello piccolo in modo molto tenero.
Che la fratellanza in questo film è la vera sottotrama che vince. Se abbiamo un fratello o una sorella con noi, non saremo mai soli MAI.

OH BROTHERS – In Disney and Pixar’s “Onward,” two teenage elf brothers embark on an extraordinary quest to discover if there is still a little magic left in the world. Featuring Tom Holland as the voice of Ian Lightfoot, and Chris Pratt as the voice of Ian’s older brother, Barley, “Onward” opens in U.S. theaters on March 6, 2020. ©2019 Disney/Pixar. All Rights Reserved.

S’, ma alla fine: Disney o Pixar?

E’ quel tono sfumato che veste ogni film co-prodotto dalle due case insieme, che ad alcuni sembra uno strano connubio, quasi non naturale. Invece riesce sempre a produrre capolavori. L’ultimo Toy Story lo era, e anche Onward oltre la magia è riuscito.

Onward oltre la magia, infatti, è diretto da Dan Scanlon e prodotto da Kori Rae, gli stessi di Monster University per l’ingrediente Pixar e racconta di magie Disney come la famiglia e l’affetto che va oltre tutto.

Onward dal 5 marzo al cinema

In conclusione, non lasciatevi sfuggire la magia di Onward, andate al cinema dal 5 marzo e assaporate un buon incantesimo

Buona visione.

Per questa attenta ed emozionante recensione, si ringrazia Arianna del Blog dei Bonzi. Amica mia.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *