Prima visita oculistica a 3 anni

Dopo il primo screening oculistico che in genere si fa nei primissimi mesi di vita del neonato, il successivo vero controllo della vista avviene al compimento dei 3 anni, in modo da diagnosticare per tempo eventuali difetti per correggerli senza troppi sforzi e con facilità durante la prima fase di crescita del bambino.

prima visita oculistica

Sì, sembra un post serio, e fin qui lo è… è serissimo…
Se però la bambina in questione, al controllo dall’oculista, è Melania… tutto diventa più esilarante di una puntata di Zelig con Brignano!

La coraggiosissima fifona, ha mandato avanti la sorella più grande, per vedere in cosa consisteva questo famigerato controllo…
sì, perchè per Miriam ho rinviato fin troppo, tanto che nel frattempo anche Melania ha compiuto e superato abbondantemente i 3 anni… così ho preso due piccione con una fava!
Noi si fa le visite in formato famiglia, altro che roba.

Insomma, dicevo, Melania osserva tutto quello a cui viene sottoposta Miriam.
Vede che tutto sommato la cosa potrebbe anche essere divertente: deve indovinare forme, colori, figure…
Deve osservare dentro un apparecchio strano, giocare con una grande lettera “E” e indovinare da quale lato girare le zampette… e continua a ripetere: “Quando tocca a me?… Quando tocca a me?”
“Abbi pazienza, Meli, tra poco è il tuo turno.”
E così poi ha cominciato lei…

Ecco la visita con l’oculista, io, ovviamente non sono affatto intervenuta, mi stavo troppo divertendo!
“Melania, guarda qua… dove sta il sole?”
“Non vedo nessun sole!”
“Melania, guarda bene… ma dove stai guardando? Non sul muro, qui sul cartoncino… e non fare le linguacce…”
“Non c’è il sole, il sole è di fuori!”
“Sì, ma qui, non vedi disegnato un sole?”
“A me sembra un gatto!”
“Vabbè, andiamo avanti…”

“Melania, adesso ti faccio indossare degli occhialetti e tu mi devi dire in che verso stanno le zampette della “E” di legno e me la rigiri esattamente come la vedi da questo tabellone, capito?”
“Sì, sì, certo che ho capito!”
“Bene…. cominciamo… ”
Insomma, ad ogni E indicata sul tabellone una volta girata da una parte e una volta dall’altra, Melania fa roteare la sua E di legno tra le mani, tanto che prima o poi ci deve azzeccare.. c’è voluta tutta la pazienza dell’oculista per farle fare le cose seriamente!
Ad un certo punto, lei pretendeva di vedere con entrambi gli occhi, anche quando indossava quegli occhialetti che te ne tappano uno…
“Dottore, non ci vedo più! Aiuto!”
“Come sarebbe a dire che non ci vedi più… devi vedere attraverso gli occhiali”
“No, dottore, dove sei? non ci vedo… con questo occhio non vedo più nulla!”
E grazie… è tappato!

E poi, dopo il collirio… sono partiti i vaneggiamenti… neanche sotto l’effetto dei funghi allucinogeni di Alice nel paese delle meraviglie:
“Dottore, vedo tutto viola… menomale è il mio colore preferito!”
“Uh, mamma… tu sei blu… è tutto blu…”
“Mamma, adesso vedo tutto rovesciato… che ci fai a testa in giù?!”
“Mamma, smettila di dondolare… sembra che stai sulla giostra!”
e rideva, rideva a crepapelle…
Devo rimetterglielo più spesso quel collirio… ha degli effetti meravigliosi!

Una volta poi rivisitata dopo il collirio: “Dottore, sto bene?”
“Sì, sei perfetta”
“Lo so, ho gli occhi blu io!”

PS1… la cosa è finita con una bella diagnosi di rinite allergica per Miriam e lei, quasi tutta gongolante: “Sono allergica, sono allergica…” e Melania di rimando, seria: “No, tu sei Miriam!!!!”. Come darle torto!?

PS2: entrambe hanno qualche diottria mancante, ma la cosa è fisiologica nei bambini di questa età, e rientra da sola, con la crescita, per questo si deve monitorare l’andamento con controlli scadenzati… il prossimo è tra un anno e mezzo… la prossima volta mi porto i pop corn per assistere allo spettacolo!

7 commenti

  1. ciò mi ricorda che dovrei prenotare la visita per MustelaPandala, che ha tre anni e mezzo e un padre e una zia paterna con problemi di vista

  2. Che carine!! Però me lo dici come fanno a diagnosticare la rinite allergica con una visita oculistica? Mi devo far coraggio e portare pure la mia bimba, figlia di mamma allergica (rinite) e miopissima! Anche se a me non è servito a un cavolo diagnosticare la mia miopia per tempo…

    1. l oculista,mio caro amico,è anche un validissimo medico di base,di quelli che esercitano con passione,ecco perché mi ha parlato della rinite

    2. Eh, mi fai una domanda complicata.. .

  3. Io l’ho fatta a mio figlio prima di natale, aveva ancora due anni e mezzo ma un fastidio all’occhio, richiedeva di vedere cosa fosse. Mi ha fatto tenerezza vederlo seduto su quella grande sedia con quei occhiali e anche se pensavano diversamente, e’ stato bravo ed ha collaborato.

  4. great blog maxi dresses

  5. Ahahah che mito!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *