Topo Tip non vuole dormire dai nonni

Ultimo aggiornamento:

No, non ci riesco a lasciare nessuno dei miei bimbi a dormire dai nonni.
Nessuno dei tre.
E mi piacerebbe la cosa, parecchio…
soltanto diverso tempo fa è capitato che Miriam dormisse un paio di volte dalla sua adorata nonna Lilla, era prima che nascesse Massimo, ricordo che ero col pancione… ma poi non ha più voluto, non ho ben capito il perchè…
eppure so che la nonna è tanto accorta e affettuosa e premurosa e la coccola, la vizia, le fa fare esattamente tutto quello che lei vuole… ma niente da fare, Miriam non vuole più dormire dai nonni.

Con Melania è diverso… molto diverso, lei dormirebbe a casa di chiunque (nonni, zii, amici…), basta che non si ritorni a casa a mettere il pigiama, perchè lì sa che i giochi sono belli che finiti e che ad un certo punto si spegne la luce e si fanno le ninne.
Finora, però, c’è sempre stato un impedimento “esterno” che ha fatto sì che non potesse dormire a casa di nessuno dei nonni… l’unica volta che ci abbiamo provato seriamente, lasciandola sempre a casa di nonna Lilla, nel giro di un’oretta ci siamo sentiti chiamare al telefono, perchè la nonna era caduta e si era fratturata il braccio, quindi ce l’hanno riportata e amen.

Con Massimo poi, non ne parliamo… non tanto per la fase di addormentamento, quella ce la potrebbero fare benissimo i nonni, è che non mi va di condannarli a trascorrere una nottata con continui risvegli, a placare i suoi piagnucolamenti… meglio di no!

Insomma, un po’ perchè noi siamo tanto fan di Topo Tip (in barba agli schizzinosi che schifano e odiano questo topino), un po’ perchè questo libro capitava proprio a fagiolo, l’abbiamo preso proprio la settimana scorsa e ce lo siamo letto tutto d’un fiato… anche se Miriam non avesse granchè voglia di starlo a sentire.

Il papà di Topo Tip decide di trascorrere un weekend fuori con la mamma e Topo Tip deve rimanere qualche giorno in campagna con i nonni.
Ovviamente il piccoletto non ne vuole proprio sentire parlare e i genitori neanche si sprecano più di tanto in spiegazioni e smancerie, viene lasciato piangente a casa dei nonni, mentre loro se ne vanno a spassarsela altrove (che meraviglia!)… ecco.
Dopo un po’ Topo Tip capisce che tutto sommato non è poi così male stare a casa con i nonni: coccole, cose buone da mangiare, e poi aria aperta, animali, il trattore… tutte cose che normalmente non fà e lui si diverte tantissimo, tanto da non vedere l’ora di poter raccontare tutto ai genitori!
Sta così bene che poi, al momento dei saluti, già riprende appuntamento con i nonni per tornare a trovarli!

Un bel libricino, sempre nello stile della collana di Topo Tip che a me (anzi… a me e a Melania) piace tanto!

Vediamo se sortisce qualche effetto… che dite?!
Altri suggerimenti per convincere Miriam, ne avete?

Altre mie recensioni di Topo Tip le trovi qui:

1 commento

  1. Di Topo Tip noi abbiamo “Ma io volevo un fratellino!”. Sono libretti proprio carini, possono esere un pò d’aiuto in casi tiopi il tuo….magari la tua Miriam a furia di leggere la storia di Topo Tip poi si convincerà 😉

    Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *