Un aiuto per togliere il pannolino

Ultimo aggiornamento:

Ebbene, posso dichiarare con quasi tranquillità, che lo spannolinamento di Massimo (il mio terzo ed ultimo spannolinamento, lo giuro!), è avvenuto con successo (più o meno!), ma stavolta ho usufruito di un aiuto per togliere il pannolino.
Ho seguito tutte le mie regole, mi sono armata di tanta santa pazienza (tanta), ho dato fondo a tutte le mie risorse e abbiamo colto i primissimi segnali del bambino di voler crescere, di voler fare da solo, di voler essere come le sorellone.

Così, eccoci qui, adesso la mia scorta di pannolini è drasticamente diminuita (era ora!), perchè lo usiamo soltanto di notte.
Cosa ho introdotto di nuovo in questo spannolinamento?
Una cosa comodissima, che mi ha fatto conoscere mia sorella, per prima, che lei si portava dietro in qualsiasi circostanza, quando si andava fuori casa, con la sua prima bimba.

Un aiuto per togliere il pannolino fuori casa

Ecco qui: vi presento il vasino-riduttore da viaggio Ekko, il vasino portatile, il vasino prêt-à-porter, il vasino da viaggio, il vasino che lo piazzi dappertutto, in ogni lago, in ogni mare… insomma, una comodità infinita.
Si chiude e con la sua borsetta si rifila dappertutto.

Si usa inserendo un sacchettino di plastica al suo interno, in modo che i bisogni vengano raccolti direttamente nel sacchetto, pronti per essere buttati nel primo secchio a portata di mano.

vasino fuori casa per togliere il pannolino

Igienico: non siamo costretti a frequentare bagni pubblici che, con bambini piccoli, sappiamo bene cosa significa: è difficile far stare le loro manine lontano dallo schifo che si riesce a vedere in giro… e soltanto per questo, il vasino pret-a-porter è una mano santa!
E poi, è molto pratico: non dobbiamo correre a destra e a manca e consumare caffè in ogni bar del circondario se vogliamo usare il bagno.
Ne guadagna anche la nostra salute, non credete?

E’ vero, se ne può fare tranquillamente a meno, come ho fatto per le mie altre due bimbe e sono sopravvissuta benissimo, ma una volta che lo si conosce e se ne capiscono le comodità, allora, è tutta un’altra storia. Tra l’altro, non solo è un aiuto per lo spannolinamento, ma è comodo anche dopo. Le mie bimbe ancora lo usano quando siamo fuori casa.
Ad esempio, in questo periodo, lo sto tenendo fisso nella cabina della spiaggia… in pratica, i miei bimbi hanno il loro bagno personale. Che lusso, eh!?
Insomma, questa è una piccola-grande comodità che la vita, può sicuramente migliorarla.

Forse ti interessa anche:

2 commenti

  1. Ciao !
    Quali sono stati i segnali rivelatori del fatto che il bimbo era ” pronto” ?
    il tuo piccolino parla?
    Il mio compie 2 anni a giorni, e ovviamente ha il panno, e mi pare pronto meno di zero…
    Rossella

    1. sì, il mio parla, si fa capire benissimo e poi era già da tempo che, almeno per i rifiuti solidi, usava il vasino… emulando le sorelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *