Una mattinata tra chiacchiere, progetti e pettegolezzi

Ultimo aggiornamento:

Direi che trascorrere una mattinata tra chiacchiere, progetti nuovi e pettegolezzi con un’amica, sarebbe da fare più spesso.
E’ incredibile come il caso ci faccia conoscere tante persone e come si riesca ad entrare in sintonia quasi immediatamente, basta una battuta, uno sguardo, una frase buttata là, per far capire che si ha qualcosa in comune, si ha una visione, un modo di fare…
Con Francesca ormai ci conosciamo da quasi 3 anni, ricordo che Massimo era appena nato quando l’ho casualmente incontrata ad una fiera e mi è subito piaciuta.
E da lì, mi si è aperto un mondo che non conoscevo ed ho imparato tanto da lei.

Sono andata a trovarla al suo quartier generale, nella sua casa-studio, un posto molto curato, bello, accogliente, sereno. Proprio come è lei.

E nonostante i mille imprevisti della mattina, siamo riuscite a fare in un paio di ore tante di quelle chiacchiere che neanche ve lo dico.
Ovviamente, abbiamo spettegolato su tutti, ma proprio tutti tutti e se chi legge ha il dubbio di esser stato tra i nostri obiettivi di pettegolezzi, la risposta è sì, se hai il dubbio, allora vuol dire che abbiamo parlato anche di te!
Abbiamo da mettere in piedi un paio di cosette insieme e la cosa mi piace.

Anzi, fammi mettere subito a lavoro, altrimenti: chi la sente?!

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *