LaRedoute

Tanaliberatutte #21: #appuntamentidaincubo

Avete presente la trasmissione televisiva: “Cucine da incubo” in cui un noto chef passa in rassegna la cucina di rinomati ristoranti per poi distruggerla con critiche spietate?
Questa cosa è un po’ quanto un manipolo di blogger sta facendo riguardo i primi appuntamenti galanti, o presunti tale.
Riprende il Tanaliberatutte (non vi ricordate questa mia rassegna? Ve la siete persa? Malissimo! Molto male! Recupera leggendo i post precedenti, ce n’è per ogni gusto!). Eccovi collezionati un po’ di post di racconti di primi appuntamenti andati alle ortiche per i motivi più disparati, per uscite fuori luogo, per situazioni imbarazzanti, per risposte senza senso…
So che ne avresti da raccontare anche tu, per questo motivo, ho deciso di lasciare aperta questa rassegna e, nel caso ci fossero altri contributi, per poi pubblicare una seconda puntata.
E’ meglio di qualsiasi soap opera, perché a volte la realtà supera di gran lunga qualsiasi fantasia. E qui, si è davvero superato ogni limite!

appuntamentidaincubo

#Tanaliberatutte #AppuntamentiDaIncubo

E’ così che è nato #appuntamentidaincubo (ringrazio Arianna dalla mente fervida e guizzante, dalla creatività ironica e pungente!)

Ho cominciato io raccontando di un appuntamento davvero surreale, in cui pensavo che da un momento all’altro qualcuno alzasse il cartello con su scritto: “Sorridi! Sei su scherzi a parte!”, e invece era tutto spietatamente vero. Tragicamente vero!

A ruota si sono aperte ed hanno rivelato grandiosi appuntamenti esilarantissimi alcune colleghe blogger.
Mettiti comoda e cerca di non ridere troppo forte se sei in ufficio, che ce n’è da sganasciarsi!

Rassegna: #appuntamentidaincubo

Comincio con Arianna, e “Gli uomini con cui non uscire mai“, avete mai conosciuto un tipo che per una sera intera parla del suo pappagallo? Bhè, lei sì e ce lo racconta… e direi che è in compagnia di altri soggetti davvero (come dire!?) interessanti!

Daniela ci racconta del contatore di totani (gli animali è un tema ricorrente, a quanto pare!) e del bagnino creativo: “Primo appuntamento: Come non deve andare“.

Il racconto di Simona è per stomaci forti: “A letto con Mario Bros“, molto forti!

Maria scrive “Buona la prima“: in cui, oltre ad essere uscita con diversi taccagni, racconta di come ne sia venuta fuori con orecchie ben pulite. Ma veramente pulite!

E Nema? Col suo post “Appuntamenti da dimenticare“, dimostra che gli #appuntamentidaincubo non hanno nazionalità, sono oltre ogni confine, religione, lingua… molto probabilmente se ci fosse vita su un altro pianeta di chissà quale galassia, anche lì esisterebbero appuntamenti da incubo, garantito!

Altro decalogo di uomini da evitare è quello di Stefania, che li raccoglie tutti insieme in un bel mucchio, che sarebbe da mettere nell’indifferenziata, ma, abbiamo anche pietà di loro!

E tu? Quali sono i tuoi #appuntamentidaincubo? Ti va di raccontarli?
Dai che voglio raccoglierne altri, così ci si conforta insieme!

Come partecipare al #Tanaliberatutte

Lascia poi il link qui di seguito nei commenti, oppure taggami su twitter con hastag #appuntamentidaincubo e #tanaliberatutte, retweet garantito! 

Da dove tutto è partito: #Tanaliberatutte

Rassegne precedenti:

Previous Post Next Post

You Might Also Like

desigual

No Comments

Leave a Reply