LaRedoute

Chi vuole un abbraccio?

Accadono tante cose inspiegabili agli occhi dei bambini, ai nostri occhi: brutture che il mondo che ci circonda ormai ha saturato i nostri sensi, quasi rendendoci assuefatti al brutto e dando per scontato che non possiamo fare altro che accettarlo e andare avanti.

Poi ci sono piccoli libri, che ti capitano tra le mani una sera, quando il piccoletto di casa ti chiede di leggergli la favola della buonanotte: “Chi vuole un abbraccio?“.

chi vuole un abbraccio1

Lì per lì ho accettato di leggerlo, perchè tanto lo so che Massimo non molla facilmente e l’ho riaperto senza stare a pensare al messaggio che c’è in questo libro per bambini, sebbene l’abbiamo letto mille e mille volte.

Chi vuole un abbraccio?

Papà orso e il suo piccolo orso girano tutto il bosco abbracciando chiunque incontrano lungo la strada per regalargli una giornata speciale e per regalare a loro stessi una giornata speciale. Lo fanno con tutti: con il signor castoro vicino di casa, con gli occupatissimi coniglietti, con il vecchio alce, persino con il lupo che aspetta una bambina vestita di rosso… finanche con un cacciatore, che convincono a mollare il fucile, perchè troppo pericoloso.

chi vuole un abbraccio

E a tutti regalano un sorriso, una riflessione, una emozione positiva, un istante di gioia che poi colmerà la loro intera giornata.

Tornano soddisfatti, pensando che quella è forse stata la giornata più bella in assoluto. Donare abbracci è, inizialmente, vista come una azione un po’ singolare, stramba, ma poi viene apprezzata parecchio da tutti, perchè non ci si tira mai indietro di fronte ad un abbraccio.

Generosità, altruismo, tolleranza, accoglienza sono grandi concetti che molto spesso non viaggiano sui binari di grandi opere lontane, ma sui binari più vicini di piccoli gesti quotidiani, che può percorrere chiunque. E, a quanto pare, sembra che questi piccoli gesti, non soltanto facciano stare bene, ma siano contagiosi.

Non mi va di fare la morale della favola, è talmente evidente, che quasi è stato Massimo a spiegarmela…

Previous Post Next Post

You Might Also Like

desigual

2 Comments

  • Reply Mamma Giada 16 novembre 2015 at 10:41

    Ciao! Ho scelto il tuo post per la mia top of the post di questa settimana! 😉 http://chiacchiereconmammagiada.blogspot.it/2015/11/top-of-post-16112015.html

    • Reply Micaela 16 novembre 2015 at 19:13

      Grazie infinite!

    Leave a Reply