Jumanji Benvenuti nella jungla

Se ci è piaciuto il film Jumanji Benvenuti nella jungla? Sì, sì e di nuovo sì.
Premetto che il primo film Jumanji, quello con Robin Williams, non mi era affatto piaciuto, l’ho trovato persino all’epoca troppo lento e noioso, tanto che quando ci è capitato tra le mani questo nuovo film, non ero molto convinta di vederlo. E mi sono dovuta ricredere alla grandissima!

Ce lo siamo visto proprio ieri, comodamente seduti sul nostro divano, subito dopo aver finito i compiti e sistemato in giro, avevamo bisogno di rilassarci e di seguire una bella storia tutti quanti e questo film è stato all’altezza delle aspettative.

Jumanji un film per tutta la famiglia

Avventura, suspance, qualche brivido, emozioni e risate!
Insomma, c’è tutto il mix di ingredienti che piacciono a noi.

Una vecchia scatola di un gioco da tavola, appunto Jumanji, viene ritrovata da un ragazzino, semisepolta nella sabbia e se lo porta a casa. Noncurante dell’importanza del suo contenuto, anzi, proprio disinteressato da esso perchè ormai nessuno gioca più a giochi del genere, lo abbandona in stanza senza pensarci.
All’improvviso il gioco prende vita e…


Ecco che un gruppetto improbabile di ragazzini che nemmeno andavano d’accordo a scuola, si ritrovano catapultati nel bel mezzo della jungla.
C’è la più carina della scuola, che pensa solo a fare selfie e apparire figa agli occhi dei ragazzi, che viene trasformata in un cartografo intellettuale un po’ su con i chili e gli anni, il ragazzino nerd che ha trovato il gioco, viene trasformato in un uomo fatto di muscoli e superforza, quello che invece era il ragazzo più popolare proprio perchè atletico e molto figo, viene trasformato in uno zoologo, nemmeno troppo avvenente, che si limita a fare da portaborse alla montagna di muscoli ed infinte c’è la ragazzina timida e di cui nessuno si accorge mai, che viene trasformata in una bellezza da paura, capace di lottare come un ninja!


Ciascuno ha un nuovo aspetto e delle nuove capacità, così come ha dei grandi punti di debolezza, che potrebbero essere letali, anzi, lo sono proprio!
Bisogna stare attenti, giocare non solo di forza, ma anche di astuzia.

La realtà e l’illusione si mischiano perfettamente

I ruoli si ribaltano, le apparenze cambiano la sostanza e la sostanza cambia le apparenze, durante il film quel che sono realmente i ragazzi si fonde con ciò che sono diventati, integrandolo perfettamente.
Si riscoprono legami tra loro, si solleva il vaso di pandora delle emozioni e dei sentimenti, si ritrovano a doversi fidare l’uno dell’altro e delle proprie capacità per poter superare tutti i livelli del gioco e poter far ritorno a casa.
Lo scopo è di rimettere al proprio posto un prezioso gioiello magico che ha stregato e messo sotto assedio tutta la jungla, ma non è facile, perchè è protetto e inseguito da esseri con poteri, da guerrieri senza scrupoli e da belve feroci. Del resto, siamo nella giungla.

Ognuno ha solo tre vite per poter andare avanti. Ogni passo verso la meta è frutto di strategia, di intuito e di gioco di squadra. Ed è proprio questa la chiave che li farà andare avanti.
Se si vogliono cogliere, ci sono tanti livelli di lettura con diversi messaggi da far arrivare ai ragazzi: a partire dall’autostima, giusto per dirne uno.

Esilaranti le scene in cui i ragazzi scoprono qualcosa di nuovo del proprio personaggio.
Momenti che fanno saltare sulla poltrona ci sono e ci stanno benissimo.
Colonna sonora azzeccatissima.
Insomma, nulla da ridire per questo film “Jumanji benvenuti nella giungla”, che ci ha messo tutti d’accordo e ci ha fatto trascorrere un paio d’ore davvero bene.

Forse potrebbe interessarti anche:

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

SCOPRI I MIGLIORI RIMEDI CONTRO I PIDOCCHI!