Al mio segnale SCATENATE L’INFERNO!

Ultimo aggiornamento:

Ecco cosa è successo ieri sera per addormentare le belve nel colosseo: si è scatenato l’inferno!

al mio segnale scatenate l'inferno

Miriam non aveva voglia di dormire, anche se crollava letteralmente dal sonno e dalla stanchezza e la cosa l’aveva pure innervosita, con aggravante il fatto di esser andata a dormire tardissimo la sera precedente (vedi puntata del pronto soccorso!) e il non aver recuperato durante il corso della giornata…
messa a letto piagnucolava e frignava…
Melania, in preda a febbre e dolori per i denti, continuava a scoppiare a piangere inconsolabilmente, nonostante anche lei avesse una gran voglia di dormire…
Il pianto di una disturbava la momentanea quiete dell’altra e viceversa…

Al mio segnale scatenate l’inferno

Se una delle belve sembrava aver trovato pace, l’altra ricominciava a piangere e quindi attaccava il pianto anche all’altra…
Insomma… c’è stato davvero un bel da fare…
Fino a che la belva più grande non si è addormentata e allora ci siamo dedicati alla belva più piccola, che ci ha dato parecchio filo da torcere per tutta la notte…
Insomma… dagli spalti il pollice verso l’hanno fatto a me e a Marco! Quando la furia delle belve è così forte, non bisogna far altro che soccombere… con dignità, certo, ma si soccombe lo stesso!

3 commenti

  1. Infatti la mia più grande paura rispetto a fare un fratellino/sorellina è “come si gestiscono momenti come questi?”.
    Per il resto ti organizzi in qualche modo, ma quando ti ritrovi 2 belve inferocite come sopravvivi?
    Non sopravvivi!
    Bravi cmq! Avete tutta la mia ammirazione/solidarietà!

  2. Se si aspetta un po’ di tempo in più per il secondo fratellino/sorellina, magari poi con il maggiore si riesce ad interagire in maniera tale da evitare questo tipo di crisi di pianto, quindi non penso che ci siano sempre questi problemi. Quindi, se è questo quello che temi, non ti preoccupare, non dovrebbe essere il vostro caso.
    Noi ci siamo messi nei “guai” con le nostre mani, e ne dobbiamo venir fuori… in qualche modo: magari tutti acciaccati e senza capelli (che nel frattempo ci siamo strappati), ma ne usciremo prima o poi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *