Cosa è il Pastrami

Ammetto la mia globale ignoranza in materia, fino a pochissimo tempo fa non avrei mai saputo rispondere a questa domanda: Cosa è il pastrami?
E’ un kimono? Un’alga miracolosa? Un unguento ringiovanente, non so… che diavolo può essere il pastrami?

Poi una grande azienda parmense produttrice di salumi (la Furlotti &C) mi ha contattata per farmelo conoscere, annoverandomi tutte le qualità del salume, il trattamento e quanto sia famoso in territorio americano, tanto che pare che il panino preferito da Woody Allen sia proprio con questo pastrami qui.
Mah, mi son detta, proviamo!
Si tratta di fette di manzo affumicato e trattato con tutta una serie di spezie che gli regalano un sapore veramente unico, difficilmente si riesce ad equiparare ad altri salumi. Insomma, è da provare.
Inoltre è adatto a mille e una ricetta, anche la più semplice, come quella, appunto, di un hamburger casalingo:
Ingredienti:
panino
hamburger
maionese/salse varie
verdura varia che si ha a disposizione (io avevo del cavolfiore già cotto)
un paio di fette di pastrami riscaldato in padella per qualche secondo.

L’ho provato anche in una semplicissima insalata, per velocizzare la preparazione della cena e per renderla più gustosa: insieme a dell’insalatina mista a taglio, ho sfilettato 100g di pastrami ed ho condito il tutto.
Goduriosa

L’utilizzo del pastrami, però, l’ho veramente capito creando questo condimento per la pasta.
Ingredienti:
1 zucchina grande
1 spicchio di cipolla tritata
1 peperone rosso
100g di pastrami
200g di penne
olio
sale
pepe
Procedimento:
In una padella antiaderente, far cuocere la cipolla tritata, con la zucchina a rondelle ed il peperone a tocchetti. Salare leggermente. Verso fine cottura, aggiungere il pastrami fatto a pezzettini.
Nel frattempo, cuocere la pasta in acqua salata e scolare per bene. Buttarla quindi nella padella del condimento con le verdure e il pastrami e farla saltare leggermente, giusto per farla insaporire meglio.
Spolverare di pepe e servire calda.

Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *