Il tabellone del “non mi va!”

Non so ai vostri bimbi, ma ai miei ci sono cose che bisogna ripetere mille volte prima che riescano a farle e talvolta neanche le fanno dopo aver ricevuto la mia novecentomilionesima sollecitazione!
Le classiche risposte sono: “Non mi va!”, “Dopo”, “Ma non sono stata solo io!”, “L’ho già fatto ieri!” e così via…

E allora gironzolando in rete, prendendo anche spunto dai tabelloni che ho intravisto a scuola, ho pensato di fare una tabella che prevede una casella per ogni bimbo per ogni giorno del mese in cui attaccare un simbolo che rappresenti la cosa svolta, proprio quella cosa che non va!

non mi va

“Come funziona il tabellone del “non mi va”?

In ciascuna casella, ogni bimbo attacca uno stickers che rappresenta l’attività del “non mi va!” svolta. Basta individuare due o tre cose che i bambini proprio detestano fare, non è difficile, almeno, per noi non lo è stato affatto.

Nel nostro caso abbiamo individuato 3 cose che, più delle altre, i miei 3 mostriciattoli odiano:

  • Lavarsi i denti
  • Mettere a posto la cameretta
  • leggere/fare i compiti

Abbiamo trovato 3 simboli corrispondenti e quando uno di loro svolge una di queste azioni, corre ad attaccare lo sticker corrispondente.

Ovviamente, per le prime volte, meglio appendere anche la legenda del tabellone del “non mi va!”

Insomma, l’occorrente per realizzare il cartellone è: un foglio A3 (ma anche un paio di fogli A4 attaccati), matita, righello, un paio di pennarelli ed una buona scorta di stickers che raffigurano il simbolo giusto.

tabellone del non mi va

L’abbiamo poi appeso sulla porta della loro cameretta ed ora, soprattutto Miriam, non vede l’ora di fare una di quelle 3 cose per poter inserire uno sticker e vedere la sua casellina riempirsi e colorarsi.
Così facendo, inoltre, riusciamo anche ad individuare quando è stata l’ultima volta che è stato fatto/non fatto qualcosa, giusto per avere meglio idea di, ad esempio, quanto tempo fa si sono lavati i denti per l’ultima volta (Ossiur!!!!)

Dire che il tabellone faccia miracoli, è una bugia, ma, devo dire che ha migliorato di tanto la situazione.

Vi va di provare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *