La fatina del letto

Ultimo aggiornamento:

La fatina che vive sotto il letto ha aspettato che cadesse il ciuccio per appropriarsene e per mordicchiarlo!
Ce l’ha fatto ritrovare con la punta rotta!
Questo succede solo quando sa che il bimbo che dorme in quel lettino è diventato grande… poi glielo lascia mordicchiato… e lascia decidere al bimbo se continuare a tenerlo oppure no.
A Miriam ha fatto tanto schifo il ciuccio malconcio, tanto che non l’ha più voluto…

… e questo è l’inizio di una nuova era…
aspetteremo il ritorno della fatina del letto anche per Melania quando arriverà il momento giusto…
per ora… il dvd che impazza alla grande a casa è quello di Trilli, ricco di magia, polvere luccicante, fatine colorate e cose che lasciano a bocca aperta “Oooooooooooooooh!”.

Potrebbero interessarti:

16 commenti

  1. Beh potrebbe essere una tecnica…ma non ce la faccio ancora non me la sento di toglierle il ciuccio…cmq Trilli impazza anche da noi!

  2. Che carino il tuo blog. Anche io sono mamma e leggerò molto volentieri i tuoi suggerimenti. Ti seguo.

  3. Che forza queste fatine!!! ottima idea!

  4. la nostra Piccola ha un cuscino-coperta-di-Linus da cui è difficile separarla: prenoto un intervento della “fatina” prima di vederglielo portare anche in prima elementare… ce la faremo?
    ciao!

  5. @serena: ci credi se ti dico che ho sofferto più io????

    @Strawberryblonde: ti ringrazio!

    @MammaPolpetta: fai tesoro di queste esperienze!!!

    @MAQ: ci puoi provare! Ste fatine fanno miracoli!

  6. Bravissima! bella idea.. speriamo bene!

  7. Anche qui Trilly va alla grande!
    Riguardo al ciuccio, bella idea! So già che sarà drammatico quando arriverà il momento di toglierlo.

  8. Speriamo che la fatina passi anche da noi quando sarà il momento 🙂

  9. @MMD: l’idea è venuta all’improvviso, non è stata affatto pensata a tavolino!

    @Slela: troverai anche tu un modo… prima o poi!

    @Imma: arriverà, arriverà anche da quelle parti!

  10. Micky ma che bello il nuovo template!!! Oh che bello ritrovarvi tutte quante 🙂 mi siete macnate questa settimana!
    Noi abbiamo avuto una fatina simile per togliere il ciuccio di giorno… ma di notte non me la sento ancora 😉

  11. Ma che brava questa mamma …. a trovare le fatine che aiutano i bambini …Bravissima.

  12. Anche noi il ciuccio lo togliemmo di botto, da un giorno all’altro, e gnometto mi sorprese in positivo…evviva i nuovi inizi!!! 🙂

  13. Accidenti, devi proprio darmi il numero di telefono della fatina del ciuccio!
    io sono mesi che cerco tutte le scuse per toglierlo a Micro, ma lei…..non ne vuole proprio sapere!!!!!!
    Vedi i post:

    http://mammachecasa.blogspot.com/2010/11/miniserie-via-il-ciuccio.html

    http://mammachecasa.blogspot.com/2010/12/continua-la-miniserie-il-ciuccio.html

    http://mammachecasa.blogspot.com/2011/01/fofia-gande-gande-grande-grande.html

    http://mammachecasa.blogspot.com/2011/01/giochi-di-parole.html

    Sono disperata…. sono tra due fuochi! (Micro e Macro)
    Cosa suggerisci?

  14. @Mammadesign: aspè che mi leggo tutta la serie… e poi ti dico…

  15. Credo che sia uno dei momenti più emozionanti sia per i genitori che per il bambino. Fa capire come il bambino possa soffrire per tale perdita e ci aiuta a ricordare come noi, da piccoli, abbiamo sofferto allo stesso modo. E’ una fase di crescita che abbiamo avuto ma che, col tempo, abbiamo perso. Dico questo perchè il ciuccio rappresente la prima scelta di vita associata alla crescita e ci aiuta a riflettere su come, invecchiando, siamo andati a dimenticare quelle sensazioni. Pensiamo a quanto può essere forte il bambino che rinuncia al ciuccio. E quanto siamo deboli, noi adulti, che non sappiamo rinunciare alle cose inutili come un viaggio all’estero invece che vicino la nostra città oppure ad una casa più grande solo perchè ci piace stare comodi. Tutte le volte che rinunciamo a qualcosa è un pò come il bimbo che smette ciucciare, solo che il bimbo soffre mille volte più di noi. Il sacrificio di mia figlia mi ha insegnato come, a volte, i nostri desideri siano inutili e futili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *