Natale a Notting Hill

Ultimo aggiornamento:

In queste feste di Natale mi sono assaporata un romanzo davvero carino: Natale a Notting Hill di Karen Swan.

Accoccolata sul mio divano, oppure prima di addormentarmi la sera, mi rifugiavo in queste pagine.

natale-a-notting-hill

Vi avverto: all’inizio il romanzo è lento e alquanto noiosetto, ci vuole un po’ prima che la storia decolli come piace a me.
Diciamo anche che al principio è davvero un romanzetto leggero e frivolo, sembra quasi adatto ad un pubblico di teenager e poco più.
Poi, man mano che la storia va avanti, si cambia registro: i sentimenti e le descrizioni degli stessi prendono profondità. Le sfumature di caratteri e storie si delineano meglio e tutto prende più spessore e intensità.

Natale a Notting Hill – La storia

Nettie è una ragazza che lavora per una agenzia di pubblicità e, in seguito ad una sua bravata, si ritrova ad aver lanciato la campagna più di successo nella storia: all’interno di un costume gigantesco da coniglio blu, è alle prese con imprese mirabolanti pur di raccogliere quanti più like e retweet possibili dall’account ufficiale della campagna e riesce a raccogliere una cifra spropositata di fondi destinati alla ricerca scientifica, che era alla base della campagna stessa.
La campagna si svolge in una manciata di giorni prima di Natale, che è la data finale della raccolta.

A questa campagna, ad un certo punto, prende parte anche la pop star del momento, Jamie: bello, talentuoso, di classe, sensibile, … e chi più ne ha, più ne metta.

Scontato dire che i due hanno una storia. Meno scontato è scoprire come si svolgono i fatti. E’ un saliscendi di emozioni e di paura di liberare il cuore dalle proprie catene e dalla propria storia personale. Entrambi hanno subito perdite molto importanti nella loro vita e ciò li condiziona.
Riusciranno a liberarsi? E soprattutto, come lo faranno? Come riusciranno a risolvere le questioni rimaste irrisolte incatenate al passato?

Leggetelo. Una bella storia, che soprattutto verso il finale, vi prenderà parecchio.

Forse potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *