Panini ripieni salati o monkeybread

Ormai faccio e rifaccio questa ricetta: il monkeybread di Natalia Cattelani da diverso tempo ed è sempre un grande successo.

Cosa è il monkeybread?

Di cosa si tratta?
Semplicissimo: il monkeybread è un insieme di paninetti salati, ripieni di qualsiasi leccornia ci possa venire in mente, che poi, una volta cotti, si uniscono a formare le forme più disparate e simpatiche.

Che si abbia in frigo del prosciutto cotto e fontina, o del salame e mozzarella, oppure provola e speck, questi panini sono eccezionali!

monkey-bread

Perfetti per una merenda con gli amici, per un aperitivo, per un antipasto, per una cena al buffet, per una festicciola… o anche per una cena in famiglia, al posto della solita pizza. Sono fantastici: soffici, gustosi e irresistibili. Garantiti!

Li ho scoperti con il libro di cucina di Natalia e da allora li preparo spesso, sono diventata talmente brava nel farli, che spesso mi vengono direttamente richiesti.

I miei bambini li adorano e, da qualche sera fa, ho scoperto che anche le mie nipotine ne vanno matte!

Se siete invitati ad una cena e non sapete cosa portare, questi sono perfetti.
Per la ricetta, vi rimando al sito di Natalia, o, meglio ancora, vi suggerisco di acquistare il suo libro, che ne contiene tante, tutte valide e originali.

Qualche mio suggerimento per il monkeybread

A quanto descritto perfettamente da Natalia, mi permetto soltanto di aggiungere un paio di spunti:

  • come è ovvio, più si allungano i tempi di lievitazione dell’impasto e più i paninetti sono buoni e digeribili
  • Piccolo accorgimento: mettere il sale, durante la lavorazione dell’impasto, soltanto verso la fine. Ho scoperto (a mie spese) che è meglio allontanare lievito e sale, che non vanno tanto d’accordo!
  • Sbizzarritevi con la fantasia, utilizzando teglie di tante forme, per creare non solo ciambelle di paninetti
  • E poi, ultimo piccolo suggerimento, se li fate piccolini, si cuociono prima, sono perfetti come stuzzichini e piacciono di più ai bambini. In pratica, con un paio di morsi, vengono finiti!

Ecco, quindi, buon appetito… a me è di nuovo tornata fame!

Forse potrebbe anche interessarti:

monkey-bread-ricetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *