La mostra I Love Lego a Roma

Ultimo aggiornamento:

Dopo l’apertura ufficiale del Palazzo Bonaparte a Roma con la mostra dedicata agli Impressionisti Segreti, ora tocca anche incuriosire e attirare i più piccoli e gli appassionati di un altro genere d’arte.

E’ così che apre un altro piano del Palazzo ad una mostra interamente pensata e rivolta agli appassionati dei mattoncini Lego: I Love Lego, si chiama, appunto.

Dal 24 Dicembre 2019 al 24 Aprile 2020: I Love Lego a Roma

In un gioco di colori e prospettive, tra spettacolari diorami e creazioni artistiche, arrivano dal 24 dicembre al 19 aprile 2020 a Palazzo Bonaparte – spazio Generali Valore Cultura, scenari minuziosamente riprodotti e ambienti realizzati in decine di metri quadrati con i mattoncini più famosi del mondo.

Cosa si può vedere alla mostra I Love Lego

Ci sono riproduzioni, in scala ridotta, dettagliate e minuziose di fantastici mondi: dalla città contemporanea alle avventure dei pirati; dai paesaggi medievali agli splendori dell’Antica Roma in una riproduzione fedelissima del Foro di Augusto; dalla conquista dello spazio, alla suggestiva riproduzione di un paesaggio artico per arrivare al sorprendente scenario della Liberazione.
Ce n’è per tutti i gusti e per tutti gli interessi.

Il gioco della “caccia al personaggio”

Costruzioni e non solo. Attraverso una “caccia al personaggio” – tra edifici e palazzi, tra galeoni e templi – il visitatore è invitato a cercare personaggi celebri (e non) nascosti all’interno delle installazioni: da Harry Potter a Dart Fener, diversi gli ospiti a sorpresa inseriti nelle divere installazioni che accompagnano nella visita tutti coloro che vogliono divertirsi a scovare tra i mattoncini.
E questa non è l’unica parte divertente dell’intera mostra, di spunti per osservare e per creare ce ne sono ancora tanti!

Oltre all’invito a visitare per bene il Palazzo, che ne vale di certo la pena, ci si può fermare anche presso le grandi vasche piene di mattoncini per creare anche noi qualcosa di unico e leggendario!

Una mostra da Guiness dei Primati

Per la prima volta a Roma arriva un’installazione da Guinness dei Primati: nella mostra I LOVE LEGO sarà infatti presente un corpus di ben 4.100 “minifigure”, tutti personaggi che – dalla loro prima comparsa nel 1978 – popolano i meravigliosi mondi Lego. Dal primo poliziotto, al primo pompiere, e poi il primo astronauta ed il primo cavaliere.
Il Guinness dei primati da sempre si dedica anche al mondo Lego e ad oggi il record di minifigure, appartenenti a una collezione privata, è di 3.310 personaggi. A Roma arrivano invece le oltre 4.000 minifigure, provenienti da una delle più grandi collezioni di Lego al mondo di Gianluca Rossignoli che si appresta a battere il record attuale.

Arte contemporanea nella mostra I Love Lego

Mattoncini ma non solo: a dimostrare quanto i moduli più famosi del mondo siano in grado di “creare arte a 360°”, in mostra a Palazzo Bonaparte con diverse tele ispirate a grandi capolavori della storia dell’arte reinterpretati e trasformati in “uomini lego” dal giovane artista romano Stefano Bolcato: unendo la sua passione per i LEGO e la sua arte – attraverso una tecnica pittorica ad olio – crea forme di assemblaggio ispirate in particolare modo dal “magnetismo” dei ritratti rinascimentali.

I LOVE LEGO è una esperienza imperdibile per i nostalgici che vorranno tornare bambini e per i più piccoli che potranno trascorrere una giornata divertendosi con quei “prodigiosi” mattoncini che ogni anno fanno giocare milioni di persone.

Informazioni utili per la mostra

I Love Lego è a Palazzo Bonaparte
Spazio Generali Valore Cultura
Piazza Venezia, 5 (angolo Via del Corso) a Roma

Date di apertura della mostra: 24 dicembre 2019 – 19 aprile 2020

Orario apertura:
dal lunedì al venerdì 9.00 – 19.00
sabato e domenica 9.00 – 21.00

Costo dei Biglietti
Intero € 12,00
Ridotto € 10,00

Informazioni e prenotazioni:
T. + 39 06 87 15 111

Sito:
www.mostrepalazzobonaparte.it

Forse potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *