Spaghetti alla chitarra integrali

Ultimo aggiornamento:

La domenica, quando stavo a casa con i miei, era d’obbligo la pasta fatta in casa.
Quasi sempre ci si dedicava papà.
Si metteva di buon mattino ad impastare e a preparare il sugo di carne, il cui odore ci svegliava verso le 10 del mattino… e ci trovavamo a far colazione con questi olezzi di cucina mentre bevevamo il nostro caffèllatte!
Lì per lì, mi dava un po’ fastidio… ma oggi ricordo con molta nostalgia quelle domeniche pigre e lente.

Ora capita che questa tradizione domenicale riprenda vita quando andiamo la domenica a pranzo a casa di mia mamma, che spesso mi ricorda che forse sarebbe il caso che ora imparassi anche io a farla… ma mi piace che sia lei a coccolarci tutti!
Così, anche questa domenica… come altre: Spaghetti alla chitarra, con farina integrale

Vi lascio qui la ricetta, metti che vi venga voglia di prepararli…

spaghetti alla chitarra integrali

Pasta fatta in casa: spaghetti alla chitarra integrali

Ingredienti x 6 o 7 persone
500g di farina integrale
5 uova
1 pizzico di sale

Condimento:
Ragù di carne e ricotta salata

Procedimento:
Su una spianatoia, vesare la farina a fontana e al centro mettere le uova intere con il pizzico di sale. Impastare il tutto (se si ha l’impastatrice… sarebbe pure meglio!), fino a che le uova assorbono tutta la farina. Dopo di che stendere la pasta dello spessore desiderato (sarebbe meglio lasciarla leggermente doppia… almeno, a noi piace sentire il ruvido della farina integrale sotto i denti!) e tagliare la pasta del formato che si desidera (noi abbiamo fatto gli spaghettini sottili) con l’aiuto della macchina per fare la pasta in casa.
Lasciare asciugare all’aria, disponendo la pasta su di un vassoio, senza farla sovrapporre, altrimenti si attacca, e spolverizzando con della farina.

 pasta fatta in casa

Lessare in abbondante acqua salata e scolare quasi subito (i tempi di cottura sono di pochissimi minuti).
Condire con il ragù di carne e con abbondante ricotta salata.

 pasta integrale fatta in casa
 Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *