Come scegliere la culla: quali elementi considerare

Ultimo aggiornamento:

L’acquisto della culla è un momento molto importante della vita dei genitori e di quella del bambino, ma non è semplice districarsi nella giungla dei negozi di articoli per la prima infanzia.
Sono diversi, infatti, i consigli da seguire nella scelta della culla e negli accessori correlati, come ad esempio i sacchi nanna online su Il Mondo di Leo, perfetti per accompagnare il nostro bambino nelle notti sia invernali che estive.

Perché utilizzare la culla

Il bambino nella pancia della mamma vive in uno spazio molto ristretto e dunque passare da uno spazio così avvolgente e accogliente ad uno spazio molto più grande potrebbe non essere molto piacevole. La culla infatti assicura ancora al neonato uno spazio raccolto e morbido, che lo fa sentire sicuro e protetto.

La culla è più facilmente trasportabile per la mamma e quindi, se la culla scelta è dotata di ruote, potrà essere condotta nella stanza in cui la mamma sta più di frequente e quindi il bambino sarà seguito costantemente.

Inoltre il fondo della culla è generalmente un po’ più alto del fondo del lettino quindi il bebè potrà essere preso dalla mamma ogni volta che ce ne sia la necessità senza per questo affaticare la schiena

Quindi, come scegliere la culla giusta?

La culla per neonati è l’accessorio più raccolto e confortevole per la nanna dei piccoli. Si usa durante i primi mesi di vita (di solito dalla nascita ai 9 mesi) quindi prima del lettino. La scelta tra i vari modelli può non essere facile da fare, perché ci si deve destreggiare tra scelta del design, del colore, delle dimensioni, della qualità dei materiali e così via.

Il primo aspetto da considerare riguarda la sicurezza della culla. La culla deve essere sicura e deve garantire sonni tranquilli. Le cose cui fare più attenzione sono i materiali e i meccanismi con cui è fabbricata, l’altezza delle sponde e il materiale con cui è fatto il materassino (meglio se naturale e anallergico). Per questo è sempre bene chiedere informazioni e verificare che la culla sia certificata secondo le normative europee di sicurezza.

Per fare un acquisto intelligente occorre rispettare determinati canoni. Il consiglio è quello di scegliere in base all’usabilità del modello. Oggi ci sono modelli di culle convertibili che rendono quella spesa un investimento. Le culle convertibili infatti sono quelle che si possono modificare cambiandone l’uso man mano che il bambino cresce. All’inizio funzionano come classiche culle per neonato, poi si trasformano in un lettino da affiancare al letto, poi in un lettino vero e proprio quando il bambino sarà più grande.

I materiali: sicurezza e comfort

È importante verificare le caratteristiche dei materiali di cui è composta la culletta.

Sono molti i prodotti tossici che vengono a contatto con i nostri bambini involontariamente. È pertanto assolutamente necessario che le vernici utilizzate per la culla siano certificate come non tossiche. In particolare non devono contenere formaldeide che è una sostanza cancerogena o piombo.

Esiste una normativa che, se applicata, viene riportata nel libretto delle istruzioni della culla stessa: si tratta della normativa europea EU 71-3 ed è relativa alla migrazione di sostanze nocive. La culla non deve avere parti sporgenti o appuntite che possano ferire il bambino.

Infine, se nella zona a cui ha accesso il bambino sono presenti fori, questi devono essere realizzati in maniera tale che non vi possano restare incastrate le dita del bebè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *