Il Grinch: tutti dovrebbero essere felici

E’ uscita l’ennesima rappresentazione del Grinch, l’essere che per eccellenza non sopporta il Natale.
E qui ha la voce di Alessandro Gassman, riconoscibilissimo e divertentissimo!


Anche in questa versione animata, il Grinch è un essere dispettoso, cinico e abbastanza odioso.
Non tollera tutto quello che gira attorno al Natale, se ne sta rinchiuso nel suo eremo proprio per stare il più lontano possibile dalla città di Chinonsò, che è popolata invece da persone arcientusiaste del Natale, tanto che per quest’anno hanno deciso di rendere queste feste ancora più addobbate e scintillanti che mai.
Niente di più insopportabile per il Grinch.

Il Grinch vuole rubare il Natale

Tanto che lui decide quindi di rubare il Natale a tutti: vuole eliminare decorazioni, luci, pacchi e regali. Non deve rimanere più nulla, così più nessuno potrà essere felice in quello che invece per lui è il giorno più triste dell’anno.

Ma da dove viene tutto questo malessere? Perchè il Grinch si comporta così?

Grazie all’intervento di una bimbetta sveglia e simpatica, il Grinch capisce che in realtà ciò che lui odia non è il Natale fine a se stesso, ma è il fatto di averlo sempre trascorso da solo, sin da quando era un bambino.

A Natale, tutti dovrebbero essere felici!

E lo capisce quando anche avendo rubato tutto, gli abitanti della città ritrovano lo spirito pur senza regali, pur senza luci e decorazioni… e lo ritrovano cantando.

E capisce che è vero che questo spirito del Natale è contagioso e ti fa sentire bene.

Il film di Natale per tutti

Un film d’animazione per tutti, anche per i più piccoli.
Il cartone ha colori fantastici, l’atmosfera del Natale è meravigliosa! Viene voglia di tuffarsi dentro quel posto incantato! I personaggi sono tutti molto simpatici e non mancano momenti esilaranti.
La storia non è tanto avvincente, tanto che all’inizio è un po’ lento il ritmo.
Gustatevi le musiche e le frasi in rima che cospargono la narrazione… e fatevi avvolgere dalla felicità del Natale.

Forse potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *