Torta fredda cocco nutella e ricotta

Ultimo aggiornamento:

Come qualche anno a questa parte, ho preparato la torta fredda per il compleanno di Nonna Gabry.
Memore della cheesecake di ferragosto che è piaciuta parecchio, ho voluto preparare qualcosa di simile, ma non troppo “cheese”, direi qualcosa di più “light” e che si avvicinasse di più anche ai gusti dei bambini, che il sapore del formaggio all’interno della torta non l’apprezzano molto.
Quindi ho modificato leggermente gli ingredienti, introducendo, tra l’altro, anche uno degli ingredienti principe della mia cucina dolce: la nutella!

Quindi, ecco la torta cocco, nutella e ricotta, senza bisogno di cottura, che si prepara in pochissimo tempo e che è parecchio, ma parecchio golosa.

Torta fredda cocco nutella e ricotta

Ingredienti per uno stampo a cerniera di 24cm:
120g di biscotti secchi (ho sempre usato i gentilini, sono infallibili!)
90g di burro fuso
250g di mascarpone
300g di ricotta
2 cucchiai di zucchero
un vasetto piccolo di nutella
100g di farina di cocco
6g di gelatina in fogli
1 goccio di latte

Procedimento:
Tritutare i biscotti e mescolarli in una ciotola insieme al burro fuso. Una volta amalgamato bene il composto, versarlo sul fondo della torta a cerniera, rivestito di carta da forno e riporlo in frigorifero.
Mettere in ammollo in acqua fredda la gelatina, nel frattempo, in una ciotola capiente, mescolare insieme il mascarpone, la ricotta, lo zucchero, la nutella (non tutta, lasciarne qualche cucchiaino per guarnire sopra la torta) e la farina di cocco (lasciandone sempre una manciatina da spolverare sopra la torta).
Riscaldare il goccio di latte e, una volta caldo, spegnere il fuoco e far sciogliere la gelatina ben strizzata. Quindi versare il latte nel composto e mescolare bene.
Versare la crema sullo strato di biscotti, spolverizzare con la restante farina di cocco e guarnire con la nutella rimasta, poi ricoprire con la pellicola trasparente tutta la teglia e riporla in frigo per almeno un paio di ore.

E tanti auguri Nonna Gabry!

Forse potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *