Il film Edison è per bambini?

Ultimo aggiornamento:

Affascinante, curioso, istruttivo è tutto questo il nuovo film Edison, l’uomo che illuminò il mondo.

Edison l’uomo che illuminò il mondo

Si tratta della storia, un filo romanzata, ma nemmeno tanto, di Edison, colui che inventò l’elettricità e della sua eterna rivalità con l’imprenditore Westinghouse, che pur di fatturare e fare profitto, era disposto a rischiare e a mettere in circolazione idee e prodotti molto dannosi.

Edison, uomo caparbio, dai sani principi, dalle idee illuminate e dalla sua incrollabile fede nella scienza, vede manipolare le sue invenzioni da un sistema che punta al guadagno a tutti i costi.

Si spalanca l’era industriale

Il film è ambientato in America, in un’epoca in cui tutto doveva ancora essere inventato, in cui c’era spazio per milioni di idee, Edison e Tesla erano coloro che ne avevano a bizzeffe, si trattava di trovare le risorse e le persone giuste che credessero in loro.
Dall’invenzione dell’elettricità si sono spalancate poi milioni di scoperte e sue applicazioni, anche quelle tragiche come la sedia elettrica per le esecuzioni. Cosa di cui Edison non è mai andato di certo fiero.

Edison è per bambini?

Un film decisamente interessante, soprattutto per chi ha studiato queste cose a scuola, e anche ad un certo livello, ma di sicuro molto lento.
Non lo consiglierei affatto alla visione dei bambini, non per altro, se non per il fatto che si annoierebbero a morte.

Film documentario

Certo è che va visto come film documentario, per niente leggero e per niente riempitivo della noia, anzi, bisogna andare convinti di vederlo.

I protagonisti

Adoro il protagonista Benedict Cumberbacth, che noi apprezziamo come il nostro caro Doctor Strange.
Al suo fianco, come suo aiutante e apprendista, troviamo un altro volto a noi noto: Tom Holland, ovvero Spiderman, il simpatico supereroe di quartiere.

E’ strano vederli di nuovo all’opera insieme, dopo averli lasciati in Avengers End Game, in altri panni e in una storia troppo distante da come siamo abituati a conoscerli.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *